D I S C O G R A P H Y
 Ulisse - cover
LP - RTI Music, RTI 1146-1, (Italy, 97)
CD - RTI Music, RTI 1146-2, (Italy, 97)
Premiata Forneria Marconi:
Ulisse

01. Ieri [1:38]
02. Andare per andare [6:22]
03. Sei [5:58]
04. Il cavallo di legno [4:27]
05. Ulisse [6:03]
06. Uno in più [5:03]
07. Canzone del ritorno [4:30]
08. Il mio nome e' nessuno [5:44]
09. Lettera al padre [4:37]
10. Liberi dal bene liberi dal male [4:39]
11. Domani [1:58]

Music by PFM and lyrics by Vincenzo Incenzo
Musicians: Franz Di Cioccio - vocals, percussion and vocals
Franco Mussida - guitars and vocals
Patrick Djivas - bass and programming
Flavio Premoli - piano, organ, synths and vocals
+ Ricky Tognazzi - voice on "Ieri"
+ Moreno Ferrara - backing vocals
+ Massimo Senzzioni - backing vocals
Other credits: Produced by Alessandro Colombini
Recorded by Piercarlo Penta at Studio Heaven, Rimini,
    and by Celestee Frigo at Studio Metropolis, Milano
Art Direction and design by Iaia De Capitani
    and Nicola Oriani for D&D Comunicazione, Milano
Cover photography by Douglas Struthers, Lauria Ronchi and Tony Stone
Band photography by Guido Harari
© 1997 RTI Music
Reviews: by Gianfranco Rosatti
by David Eric Shur


L y r i c s

Text by Vincenzo Incenzo
Published by RTI Music / Aereostella / GiroiDo / P. M. Edizioni / Wiz Music
[English translation by Scott E. except * by Gianfranco Rosatti]

Ieri

M'innamorai di un canto
e poi di oceano mi ubriacai
Liberai le braccia mie dal mio salario e andai
Lasciai dietro me schermi e illusioni di volutà
E un gigante accecai nei tribunali di verità
In un cavallo mi sognai
e ogni muro cadde giù
Ti lasciai per un'isola e quell'isola......


Andare per andare

Qualunque sia la verità è il grande giorno ormai
c'é una via nelle mie mani non mi tradirà
c'é un mondo che mi attira già in questa azzurrità
io non so se il pazo sono
io o sei tu che rimani qua

Raccontano che le stelle già parlano di noi
e che l'anima mia vicine così nen le ha viste mai

Andare per andare via all'origine di noi
dove gli astri tramontano e non c'é gravità Andare per andare via non è solo una pazzia
se io chiedo di vivere all'uomo che c'è in me

Sarà dove sarà ma ci sarà
se questa fantasia é la veritá
Segui l'onda... Segui l'onda...
Segui l'onda... Segui l'onda...

Qualunque sia la verità vado a vedere ormai
aldilà dell'orizzonte mio cosa mai
mi disseterà
lunari armonie nel calice blu dell'immensità
che disegnano vie dolcissima possibilità

Andare per andare via io non
cerco una città
ma il confronto di nun'anima con la sua libertà
Andare per andare andare per andare via
dove non ti per di mai
e si ostinamo a vivere i grandi sogni miei


Sei

Sei la mia via sei la mia malincolia
sei il mio digiuno
sei la mia casa i passi miei
ma non sei tu non sei mia
Sei la nostalgia se la spiaggia sei la luna
il temporale sei sei quest'ultima tua scena
sel il mio cane sei la mia cena in una mano
ma non sei tu non sei mia
e non sei più solo una donna
Sei quelle sere che non ritorneranno più
la parola che è rimasta strozzata in me
sei lungo quelle vie che ci videro
stretti noi
nelle mie fantasie nel ricordo più bella sei...
ma non sei tu non sei mia
e non sei più solo una donna
Sei questa rabbia in me il mio pianto
il mio dolore
sei la ferita che mai nessuno potrà guarire
sei la mia schiavitù la mia ombra il mio assanino
e chissà dove sei sei felice
sei lontano
ma non sei tu non sei mia
e non sei più solo una donna donna
Sei tutto il tempo che arriverà
a ricordarmi che non si sei
lo sguardo che sempre ritroverò
dentro gli occhi di chi verrà
sei dil bisogno di te il bisogno di me
la gelosia che uccide
sei la storia delli altri sei
sei sempre ..sempre ..sempre ..sempre tu ..
... amore mio


Il cavallo di legno

Ho fatto un sogno lungo la mia strada
una lacrima non mi disseterà
ma almeno i sogni vada come vada
non si piegno a nessuna volontà
Ho sognato che la cosa più importante
non é chi sei ma quel che vuoi
e la luna sembrava un diamante
e tu dentro un mondo più libero
correvi con noi

Ogni cuore batteva nell'anima accanto
e le voci formavano un coro soltanto
nell'aria nell'aria gridava
Noi siamo di noi Noi siamo di noi
Noi siamo di noi

Ogni cuore batteva con noi
e le voci cantavano
noi siamo di noi

Ma un cavallo di legno sta viaggiando
presto arriverà dentro la città
ci deve essere una breccia in questo mondo
certo si sarà
Nel ventre della terra ci arà
nei cessi di stazione o sugli altari
tra i panni appesi ali vicoli quaggiù

...... nel tuo core di ragazza ......

Lungo la strada battuta dal vento
qualche notte mi sembra
di udire quel canto
nell'aria nell'aria che grida
Noi siamo di noi Noi siamo di noi
Noi siamo di noi

Ogni cuore batteva con noi
ogni cuore batteva nell'anima accanto

Ogni cuore batteva con noi
e le voci formavano un coro soltanto


Ulisse

Cammino in un tramonto
di mille anni fa
con un vento un sentimento
che mi invade nell'anima

Un cnato dolce di sirene
ni chiama tra gli uomini e le vie
io ti tendo le mie mani
ma non trovo le mani tue

E l'anima mia soffre
vuole uscire andare perché
nessuno può capire ub porto
ne son sa il mare che cos'è

e a casa non ritornerei
con le nuvole sogno di andare via
dai palazzi di vergogna
dalle strade di ipocrisia

Amore un' isola prima o poi ti darò
per ogni lacrima che per me verserai
sulla tela dei sogni tuoi

Cambierà... cambierà...
cambierà... oh cambierà...
come un fiore dentro un muro
vive l'anima che è in me
cerca quello che non ha
nuvole... alberi... noi

... io ti tendo le mie mani
dove sono le mai tue...

Il canto dell'amore
ni tormenta e chiede di te
ma un animale nel mio cuore
ha deciso la via per me
per non tornare più

Cambierà... cambierà... cambierà...
cambierà... oh cambierà..;
Come un fiore dentro un muro
vive l'anima che è in me
cerca quello che non ha
nuvole... alberi... cambierà... cambierà...


Uno in Più

Uno in più serai
uno in più con tutti noi
a difendere i sogni e la verità
uno in più che si unirà

C'è bisogno di mani e tu lo sai
c'è bisogno di voci e insieme a noi
adesso tu sarai
uno in più

Uno in più con noi
uno in più coi sogni tuoi
contro chi vuol rubare la stella mia
uno in più chiunque

E il muro salirà mani su mani
voci su voci
il muro salirà gente su gente che cresce
e si nisce abbacciando un'idea

Ogni volta che dietro tu guarderai
uno in più tu conterai

E il muro salirà mani su mani
voci su voci
il muro salirà gente gente su gente che cresce
e si move con l'anima mia

Uno in più sarai
uno in più con tutti noi
a difendere coi denti la tua idea
uno in più nella marea

C'è bisogno di cuore e tu ce l'hai
c'è bisogno di tutti e insieme a noi adesso
tu sarai
Uno in più


Canzone del Ritorno

Stasera ho l'anima in strada
e certo un rifugio non c'é
per chi sta inseguendo un miraggio
ed è fuori di se

Stasera il mio cuore ha capito
che questa mia malinconia
è un cane che annusa le cose
per trovare la via

C'è sempre un ritorno negli occhi di
chi se ne va

persino gli uccelli
hanno regole di gravità
stringiti a me dovunque sei
io sono con te

Terra all'orizzonte
ora che ilcuore lo sa
terra all'orizzonte
quanto mare c'é tra di noi

E corrono alberi e case
l'odore di un posto più mio
adesso che tornamo
l'approdo e l'addio

Terra all'orizzonte
ora che il cuore lo sa
ora che quello cuore che cerca
è tutto quello che ha
ora che il mondo si ferma
e respira con noi
stringiti a me
non finirò
non finirai

Terra all'orizzonte
ora che il cuore lo sa
terra all'orizzonte
quanto mare c'é tra di noi
terra all'orizzonte
ora che il cuore lo sa
terra all'orizzonte...

... quanto mare c'é


Il mio nome é Nessuno

Io sono quello
che ti passa accanto
che nell'ascensore
non ti guarda mai
la mia porta è quella là
quante volte
ti domanderai... lui chi è

Sono uno dieci mille centomilla
con un passaporto
per l'oscurità
solo un nombra
nel viavai
non cercami
non mi troverai
anche se sono dove sei
Io sono un numero
e niente più
non ho faccia
non ho città
non ho segni particolari
non ho voce mai
Sono un numero
e niente più
non ho home ne identità
non vado e non vengo da
non lascio traccia mai
soltanto un numero
"chi sei cosa pensi
ti senti solo mai
tu chi sei come vivi
cosa cerchi in te"
Nessuno é il vero nome mio

Nessuno è il nome mio

Sono il mostro il sosia
l'occhio che ti guarda
e qualcosa già
ti affascina di me

Nessuno é il vero nome mio

Io sono un numero
e niente più
non ho faccia
non ho città
non ho sogni particolari
e non ho storia mai
Io sono un numero
e niente più
non ho nome né identità
quando torni ti troverò
e quando torni mi troverai

Sono il tuo specchio ormai


Lettera al padre

L'amore
taglia il cuore in questo squarcio senza luna
io dove sono
dove sei
e mi perdo
sulla rotta che tu ieri mi insegnavi
io da solo come te
Non siamo lontani se solo lo vuoi
ma in questa corsa il traguardo lo sai
si muove con soi
forse la verità è che non c'é mai verità
e questo cuore nessuno lo può calpestare
nemmeno tu
E in questo viaggio
ho soltanto la valigia e el mio rancore
da clandestino... come te
Non siamo lontani se cerchi anche tu
le incomprensioni e quei muri tra noi
cadono giù
forse la verità è che non c'è mai verità
e questa notte ho gettato l'orgoglio nel mare
su questo relitto appeso alle onde
io cerco te
in questa tempesta
io sono tuo figlio
divento tuo padre
non siamo lontani
non siamo lontani...


Liberi dal bene liberi dal male

Ti scrivo da un viaggio
che mi porta via da te per sempre
per dirti di un uomo
che ha bisogno di lasciarti per tornare
ma noi marinai
siamo in mare per arrivere mai
e tu dove sei
nella strada dalla boca
al mio bicchiere

Liberi dal bene Liberi dal male
nell'idea di un'isola
che ci fa trovare solamente mare
viaggerò sempre
ma non guarirò di te

Eppure mi manchi
mentre guardo il sole all'orizzonte
oh noi marinai
ogni notte prigionieri delle stelle
e tu tu sarai
la mia morte e la mia vita insieme

Liberi dal bene Liberi dal male
nell'idea di un'isola
che ci fa trovare solamente mare
viaggerò... sempre...
...cercando

Liberi dal bene Liberi dal male

Liberi... liberi...


Domani

M'innamorai di un canto
e poi di oceano mi ubriacai
Liberai le braccia mie dal mio salario e andai
Lasciai dietro me schermi e illusioni di volutà
E un gigante accecai nei tribunali di verità
In un cavallo mi sognai
e ogni muro cadde giù
Ti lasciai per un'isola e l'isola eri tu

Yesterday*

I fell in love with a melody [chant]
and then I got drunk on [inebriated by the] ocean
I rid my arms from my work [salary] and I went on
I left screens and delusions of pleasure behind
and I blinded a giant in truth's courts [tribunals]
I dreamed on myself inside a horse
and every wall fell down
I left you for an island, and that island.....


Leaving for leaving's sake

Whatever the truth may be, itís now the great day
there is a way in my hands it will not betray me
there is a world that pulls me in this 'azure-ness'
I donít know if the crazy one is me
or you who remain here

They say that the stars are already speaking of us
and that my spirit has never seen them so close

Leaving for the sake of going to our origin
where the stars set and there is no gravity
Leaving for the sake of leaving isnít just craziness
if I ask the man in me to live

It will be wherever it will be, but it will be
if this fantasy is the truth
follow the wave... follow the wave...
follow the wave... follow the wave...

Whatever the truth may be Iím going to see now
beyond my horizon what might there be
to quench my thirst
lunar harmonies in the blue chalice of the immensity
that design [ways, roads] sweetest possibilities

Leaving for the sake of leaving Iím not
looking for a city
but the meeting of a spirit with its freedom
Leaving for the sake... Leaving for the sake
where you never lose yourself
and my great dreams obstinately live


You are

You are my way you are my melancholy
you are my fast [period of not eating]
you are my home my footsteps
but you are not you are not mine
You are nostalgia you are the beach you are the moon
the storm you are you are this last scene of yours
you are my dog you are my dinner in a hand [?]
but you are not you are not mine
and you are no longer only a woman
You are those evenings which will never again return
the word that is left strangled in me
you are along those streets that saw us
tightly embracing
in my fantasies in my memory you are more beautiful...
but you are not you are not mine
and you are no longer only a woman
You are this anger in me my tears
my pain
you are the wound that no one can ever heal
you are my slavemaster my shadow my killer
and who knows where you are are you happy
are you far away
but you are not you are not mine
and you are no longer only a woman woman
You are all of time that is yet to come
to remind me that you are not here
the look that I will always find
in the eyes of whoever will come
you are the need of you my need
jealousy that kills
you are the story of the others you are
you are always...always...always...always you
my love


The wooden horse

I had a dream along my road
a tear will not quench my thirst
but at least dreams, come what may
donÉt bend to any will
I dreamed that the most important thing
isnÉt who you are but what you want
and the moon seemed a diamond
and you [who?] inside a freer world
used to run with us

Each heart was beating in the spirit beside [next to]
and the voices formed a single chorus
in the air in the air it was shouting
'We are of ourselves' [the idea is unit cohesion,
all, the disparate individuals being of one intention
]

Each heart was beating with us
and the voices were singing a chorus
we are of ourselves

But a wooden horse is travelling
soon it will arrive inside the city
there must be a breech in this world
certainly there must be
In the bowels of the earth there must be
in the station urinals or on the altars
between the clothes hung in the alleys down here

...in your young woman's heart...

Along the street beaten by the wind
some nights I seem
to hear that chant
in the air in the air which shouts
We are of ourselves we are of ourselves
We are of ourselves

Each heart was beating in the spirit beside
Each heart was beating with us

Each heart was beating in the spirit beside
and the voices formed a single chorus


Ulysses

I walk in a sunset
of 1,000 years ago
with a wind a sentiment
that invades my spirit

A sweet sirens' song
calls me among men and roads
I hold out my hands to you
but I don't find your hands

And my spirit suffers
it wants to get out to go because
no one can understand a port
if he doesn't know what the sea is
and home I would not return
with the clouds I dream of going away
from the palaces of shame
from the streets of hypocrisy

Love an island sooner or later I will give you
for each tear that for me you will pour [literally]
on the weaving of your dreams

It will change... it will change...
It will change... oh it will change...
like a flower inside a wall
lives the spirit that is in me
it searches for what it doesn't have
clouds...trees...us

...i hold out my hands to you
where are your hands

The song of love
torments me and asks of you
but an animal in my heart
has decided the road for me
in order never to return

It will change... it will change...
It will change... oh it will change...
like a flower inside a wall
lives the spirit that is in me
it searches for what it doesn't have
clouds...trees...us it will change... it will change...


One more man

One more man you will be
one more with all of us
to defend dreams and truth
one more man who will join

There is a need of hands and you know it
there is a need of voices and together with us
now you will be
one more man

One more man with us
one more with your dreams
against whoever wants to steal my star
one more man whoever he might be

And the wall will rise hands on hands
and voices on voices
the wall will rise people on people who grow
and unite embracing an idea

Each time that you look back
you will count one more man

And the wall will rise hands on hands
and voices on voices
the wall will rise people on people who grow
and move with my spirit

One more man you will be
one more with all of us
to defend with your teeth your idea
one more man in the tide

There is a need for heart and you have it
there is a need for everyone and together with us now
you will be
One more man


Song of the homecoming

This evening my spirit is in the streets
and certainly there is no refuge
for he who is following a mirage
and is outside of himself [ meaning'crazy'?]

This evening my heart has understood
that this my melancholy
is a dog that sniffs things
to find the way

There is always a return in the eyes
of those who leave
even the birds
have laws of gravity
hold me to yourself wherever you are
I am with you

Land on the horizon
now that the heart knows
Land on the horizon
how much sea there is between us

And trees and houses run
the odor of a place that is more mine [?]
now that they return together
the landing and the goodbye

Land on the horizon
now that the heart knows
now that what it's looking for
is all that it has
now that the world stops
and breathes with us
hold me to yourself
I will not end
you will not end

Land on the horizon
now that the heart knows
land on the horizon
how much sea there is between us
land on the horizon
now that the heart knows
land on the horizon...

... how much sea there is


My name is "Nobody"

I'm the guy
who passes next to you
who in the elevator
never looks at you
my door is that one there
how many times
you will ask yourself... who is that guy?

I am one ten a thousand one hundred thousand
with a passport
for obscurity
I am a shadow
in the coming and going
don't look for me
you will not find me even if
I am where you are
I am a number
and nothing more
I don't have a face
I don't have a city
I don't have distinguishing marks
I never have a voice
I am a number
and nothing more
I don't have a name or identity
I don't go to and I donÉt come from
I never leave a trace
only a number
who are you what are you thinking
do you ever feel alone
you, who are you how do you live
what do you search for in yourself
Nobody is my true name

Nobody is my name

I am the monster the double
the eyes that watch you
and something
about me fascinates you

Nobody is my name

I am a number
and nothing more
I don't have a face
I don't have a city
I don't have distinguishing dreams
and I never have a story ['history' or 'background']
I am a number
and nothing more
I don't have a name or identity
when you return I will find you
and when you return you will find me

I am your mirror


Letter to the father

Love
cuts the heart in this strip [of land?] without a moon
where I am [or 'where am I?']
where you are [or 'where are you?']
and I lose myself
on the course that yesterday you showed me
I, alone, like you
We are not far if only you want it
but in this race the finish line you know
moves with us
perhaps the truth is that there is never truth
and this heart no one can tread upon
not even you
And in this voyage
I have only my suitcase and my rancor
like a clandestine manī like you
We are not far if you search too
the misunderstandings and the walls between us
fall to the ground
perhaps the truth is that there is never truth
and this night I threw pride into the sea
on this wreckage hung on the waves
I'm searching for you
in this storm
I am your son
I become your father
we are not far
we are not far


Free from good free from evil

IÉm writing to you from a voyage
that takes me away from you forever
to tell you about a man
who needs to leave you in order to return
but we sailors
we are on the sea to never arrive
and where you are
in the street from the mouth
to my glass [?]

Free from good Free from evil
in the idea of an island
that makes us find only sea
I will always travel
but I will not be cured of you

And yet I miss you
while I watch the sun on the horizon
we sailors
every night prisoners of the stars
and you you will be
my death and my life together

Free from good Free from evil
in the idea of an island
that makes us find only sea
I will always travel
searching

Free from good Free from evil

Free... free


Tomorrow*

I fell in love with a melody [chant]
and then I got drunk on [inebriated by the] ocean
I rid my arms from my work [salary] and I went on
I left screens and delusions of pleasure behind
and I blinded a giant in truth's courts [tribunals]
I dreamed on myself inside a horse
and every wall fell down
I left you for an island, and that island was you


 '10 Anni Live' box      'A Celebration Live' album